Pensieri e-Motivi

Tag :

shoegaze

Feed degli articoli

Miasm – The Dark Roads

dans la catégorie album

2012 (autoprodotto)

Miasm – The Dark Roads Miasm è il progetto dell'artista multimediale di Salt Lake City Jeremiah Savage, una persona che intende manifestare in musica tutto il poliedrico turbinio dei suoi interessi. Superando i limiti di genere e non lasciandosi condizionare da interessi commerciali (l'album, infatti, è reso disponibile per il download libero), ha realizzato interamente in proprio un'opera estremamente suggestiva e convincente. Le atmosfere cupe, una struttura post-rock e gli arrangiamenti shoegaze contribuiscono a mettere insieme un album con un corpo tangibile, di grande impatto emotivo, in cui i brani si succedono come in un vortice di rapimento sensoriale. Quando simili emozioni si fanno sempre più rare nel mondo delle etichette e del mainstram, bisognerebbe soffermarsi un po' a riflettere, farsi delle domande e darsi delle risposte. Che aspettate?

Bandcamp con free download

Per me, almeno 8.0/10


Portfolio - The Standing Babas

dans la catégorie album

2012 (Tremoloa)

Portfolio - The Standing Babas È un fatto che in questo blog parli poco di artisti italiani: non significa che sono prevenuto ma che, semplicemente, a riguardo dei generi che ascolto prevalentemente, di recente mi sta capitando raramente di incontrare pubblicazioni che incontrino il mio gusto. Diverso è il caso dei reggiani Portfolio, che ho conosciuto grazie a questo album. Loro sono Tiziano Bianchi (tromba, tastiere), Bojan Fazlagic (chitarra, tastiere), Emilio Marconi (chitarra), Laura Loriga (voce), Marco Rossi (basso ed elettroniche), Marco Bigazzi (basso ed elettroniche) e Stefano Bizzarri (batteria, metallofono e tastiere). Ci sarebbe da dire che cantano in inglese (tranne il parlato in un brano) e che il loro genere non è tra quelli che io ascolto di più; in effetti, il loro non è un genere ben definito: con un po' di fantasia, potremmo definirlo un rock alternativo, con incedere post-rock, condimento shoegaze e sapori jazz (indotti anche dalla fantastica tromba di Tiziano Bianchi). Bella e, secondo me, perfetta nel contesto la voce di Laura Loriga. Comunque sia, il loro è un album intenso, convincente e ben equilibrato tra le parti: un ascolto che non deluderà le aspettative.

Bandcamp (con alcuni brani in free-download)

Per me, 8.0/10