Pensieri e-Motivi

Tag :

free-download

Feed degli articoli

Miasm – The Dark Roads

dans la catégorie album

2012 (autoprodotto)

Miasm – The Dark Roads Miasm è il progetto dell'artista multimediale di Salt Lake City Jeremiah Savage, una persona che intende manifestare in musica tutto il poliedrico turbinio dei suoi interessi. Superando i limiti di genere e non lasciandosi condizionare da interessi commerciali (l'album, infatti, è reso disponibile per il download libero), ha realizzato interamente in proprio un'opera estremamente suggestiva e convincente. Le atmosfere cupe, una struttura post-rock e gli arrangiamenti shoegaze contribuiscono a mettere insieme un album con un corpo tangibile, di grande impatto emotivo, in cui i brani si succedono come in un vortice di rapimento sensoriale. Quando simili emozioni si fanno sempre più rare nel mondo delle etichette e del mainstram, bisognerebbe soffermarsi un po' a riflettere, farsi delle domande e darsi delle risposte. Che aspettate?

Bandcamp con free download

Per me, almeno 8.0/10


The Nikki Grace Experience - Rest

dans la catégorie album

2012 (Webbed Hand)

The Nikki Grace Experience - Rest Dalla Germania, un toccante e prolifico progetto uninominale, che combina ambient, mod-classical e post-rock in proporzioni veramente ben calibrate, facendo della nostalgia principale fonte di ispirazione. Il nome del progetto nasce dalla protagonista (Nikki Grace, appunto) del film di David Lynch Inland Empire, mentre l'idea stessa pare sia nata da un racconto, Eta Carinae, scritto dallo stesso genitore del progetto (non sono riuscito a trovare molte notizie né dell'autore né del racconto). Dicevo "prolifico" perché, solo nel 2012, a quanto ne sappia io, ha sfornato ben sette dischi (tra album e ep, che poi, di fatto, sono mini-lp)! E se pensate ad una bramosia commerciale siete fuori strada, perché sono tutti resi liberamente scaricabili dalla stessa etichetta Webbed Hand. Ne ho sentiti diversi, ma ho preferito questo, perché è quello in cui la suddetta fusione dei tre generi (con l'aggiunta di qualche pizzico di field-recording) mi sembra più equilibrata e convincente. Struggente, rilassante, evocativo, l'album (che, tra l'altro, è stato inciso in proprio) costituisce un altro ottimo esempio di ciò che personalmente intendo per arte disinteressata.

Streaming & free download

Per me, 8.0/10


Margo Margo - Margo Margo

dans la catégorie ep

2012 (margomargo.bandcamp.com)

Margo Margo - Margo Margo Voglio segnalarvi questo giovane gruppo canadese non perché abbia qualcosa di sorprendente o perché siano particolarmente bravi o ispirati: semplicemente mi convince la loro genuinità e il loro attingere a generi classici, gravando i brani di un pathos da veterani, sapendo però dare, allo stesso tempo, una ventata di novità e di freschezza. Bella la voce femminile, incerta un po' quella maschile, ma lo stesso si crea un'alternanza intrigante, che induce l'attesa tra l'una e l'altra. E tutto questo in soli cinque brani. Ho idea che, a fare un bell'album in questo stesso spirito, potrebbe venire alla luce qualcosa di veramente interessante.

Streaming e Free Download

Per me, 7.5/10


Lay Low - The Backbone

dans la catégorie singoli

2012 (Cod Music)

Lay Low Non sarà frequentissimo che parli di singoli su questo blog, anche perché personalmente ritengo che la vera essenza di un artista si possa meglio riscontrare il un long playing. Tuttavia, cercando notizie su questa garbata interprete, in occasione del precedente articolo, ho notato che ha messo a disposizione il suo ultimo singolo per il download gratuito. Vale quanto detto per Brostinn Stingur: bello!

L'immagine non si riferisce alla copertina.

Free download


Kejnu - Bend Your Knee (ep)

dans la catégorie ep

2012 (Kejnu.com)

Kejnu - Bend Your Knee I Kejnu sono un gruppo svizzero indipendente e autoprodotto, che sfoggiano uno stile personale e molto convincente. Come base sarebbe post-rock, ma, a differenza del post-rock più uso, guardano decisamente al pop ed alla forma-canzone. Il brano live in chiusura, poi, si accosta anche a certo rock-jazz. La base ritmica è eccellente e l'uso delle chitarre ricorda gruppi molto più quotati. Mi piace molto anche la voce del cantante, misurata e adeguata al genere. Approfittate del download gratuito di questo EP e tenete d'occhio questo gruppo (che comunque ha già all'attivo alcuni album): secondo me merita.

Streaming & free download

Per me, 8.0/10


Dead Can Dance - Live Happenings Part III

dans la catégorie ep

2012 (deadcandance.com)

Dead Can Dance - Live Happenings Part III Tra le tante reunion degli utlimi tempi spicca certamente quella di uno dei gruppi più rappresentativi degli anni '80 (e, secondo me, uno dei più importanti degli ultimi 40 anni...): i Dead Can Dance! Una reunion che segna anche un tour mondiale, che vedrà anche un'unica data italiana, il 19 ottobre prossimo, al Teatro degli Arcimboldi di Milano. L'EP (che segue gli episodi I e II), liberamente scaricabile dal loro sito, è composto da soli quattro brani, interpretati, appunto, dal vivo; forse non saranno i più belli della loro carriera, ma anche il brano più brutto dei DCD (che non saprei identificare) sarebbe comunque notevole. Si tratta di Saltarello, The Wind That Shakes The Barley, How Fortunate The Man With None e Dreams Made Flesh. Io nutro una grande aspettativa sull'album che dovrebbe vedere la luce a breve. E voi?

Free download

Per me, 8.0/10


mmpsuf - Expeditors

dans la catégorie album

2011 (Audiomastering.lt)

mmpsuf - Expeditors Altro piccolo gioiello! Rispetto a Retina, qui forse c'era un ricorso più accentuato ai ritmi elettronici, ma, come nel successivo, ci pensa la suadente voce di Eglė a conferire quell'atmosfera soul gelida e calda allo stesso tempo (notavo adesso che un po' mi ricorda Sade...). Entrambi i mini-album, insieme, costituiscono un'ora di fuga nell'incanto. Credo che non ascolterò altro per le prossime settimane. I file digitali, inoltre, sono di ottima qualità e sono messi a disposizione dagli stessi autori per il free download: che volete di più? Se qualcuno poi volesse acquistare i cd (con tanto di custodia fatta a mano), non credo che farebbe loro dispiacere (ci sto facendo un pensierino).

"Human-un-kind" su Vimeo

Streaming & free download

Per me, 8.5/10


mmpsuf - Retina

dans la catégorie album

2012 (Audiomastering.lt)

mmpsuf - Retina Ecco un altro splendido esempio di arte completamente disinteressata! Mmpsuf è un duo lituano (Eglė Sirvydytė: voce, piano, basso, composizione, testi - Aivaras Ruzgas: elettroniche, composizione, testi), con all'attivo due mini-album (questo e Expeditors del 2011, che conto di ascoltare a breve), entrambi ascoltabili e scaricabili liberamente dal loro sito (mmpsuf.lt). Essi stessi, riferendosi al genere praticato, parlano di electro-acoustic, ma non aspettatevi un canonico album di electro-acoustic (spesso si nascondono degli episodi di pura noia dietro questa definizione, vero?). Non so, a me viene di chiamare il loro genere ambient-soul, esiste? Quello che conta è che sono cinque brani che rasentano il sublime, con sonorità veramente insolite, fini, solenni, ma densi come muri di suono... Non saprei a chi paragonarli... Come sensazioni, mi ricordano quelle provate l'anno scorso con l'ascolto di Jenny Hval, ma siamo ben lontani... Comunque, bando alle chiacchiere, godeteveli!

"The Rooms" su Vimeo

Streaming & free download

Per me, 8.5/10


Giampiero Riggio - Separations (2007-2012)

dans la catégorie album

2012 (La Vigna)

Giampiero Riggio - SeparationsAncora download gratuito e ancora un album italiano (ma solo come origine dell'artista)! Giampiero Riggio, infatti, è un giovane artista siciliano molto talentuoso e decisamente lontano dagli schemi della musica commerciale. Separations, più che un album, è un vero progetto sonoro, nato originariamente nel 2007, ma riveduto e ampliato in stadi successivi, fino a raggiungere la stesura e la consistenza attuali. Vediamo una predominanza strumentale, soprattutto acustica e le poche liriche sono cantate in inglese. Come genere, siamo su di un post-rock intinto nel folk; come qualità, è, secondo me, molto alta (il mio personale gradimento è un po' altalenante, ma dipende soprattutto da una mia ritrosia verso le sonorità post-rock, che qui, comunque, sono tutt'altro che convenzionali...). In ogni caso, costituisce certamente un'opera rilevante nel panorama musicale italiano e non solo...

Streaming & free download

Per me, 7.5/10


Laura Mura & The Seven Dwarves - My Bootleg

dans la catégorie album

2012 (La bèl)

Laura Mura & The Seven Dwarves - My BootlegAltro album in free-download e questa volta italiano e veramente delizioso! Laura Mura è un'artista cagliaritana veramente poliedrica: nata in un ambiente in cui si mangiava pane e musica classica/operistica, ha iniziato a comporre già all'età di quattro anni! Il bootleg (ufficiale) è la registrazione di un concerto tenuto a Cagliari, in cui Laura e il suo gruppo intrattengono letteralmente il pubblico con un piglio divertito e divertente, interpretando brani (che toccano diversi generi, ma orbitano soprattutto in ambito folk) assolutamente minimalistici, ma parimenti deliziosi, impreziositi dalla sua voce di seta e miele (ma per una descrizione più appropriata rimando alla bella recensione su Net Music Life). Si alternano liriche in italiano, sardo, inglese, arabo, portoghese... Ascoltando questo live, si sente fisicamente l'amore e la gioia di comporre musica, aldilà di ogni calcolo e interesse economico!

Streaming

Free Download

Per me, 8.0/10


The Darcys - Aja

dans la catégorie album

2012 (Arts & Crafts)

The Darcys - AjaInnanzitutto una premessa: noto che in rete, in questi giorni, si sta assistendo ad una presenza maggiore, rispetto al recente passato, di artisti che mettono a disposizione le loro opere per il download gratuito: questo è uno di quei casi, un altro lo posterò a breve... Sarà forse dovuto alle note vicende che hanno interessato alcuni provider di filesharing? Se non fosse una coincidenza , la cosa sarebbe molto significativa e dimostrerebbe in un certo senso quello che vado blaterando da un po': il filesharing, per gli artisti non precisamente mainstream, è tutt'altro che negativo! Ma la chiudo qui... Forse in questo caso la considerazione è un po' forzata, anche perché mi sembra di capire che già il precedente lavoro (l'omonimo dell'anno scorso) è stato distribuito in questo modo (download digitale free e vinile in edizione limitata).

Comunque, The Darcys è un gruppo canadese che, in questa ocaasione, prende pari pari un album del passato (non uno qualunque, ma addirittura il mitico Aja degli Steely Dan) e lo reinterpreta in chiave contemporanea e personale. Devo essere sincero: in un primo momento, non facendo caso ai titoli, non mi ero accorto che fossero delle cover! In effetti, la loro reinterpretazione ha qualcosa di geniale: viene di molto attenuata la sfumatura jazz dei brani originali, si acceleranno e si incrementano i riff e viene aggiunta una componente tenuamente sperimentale. Io continuo a preferire gli originali (anche perché la voce di Donald Fagen per me è <3 ), ma ascoltarli è comunque un'esperienza interessante...

Free download

Per me, 7.0/10