Pensieri e-Motivi

Tag :

experimental

Feed degli articoli

Julia Holter - Loud City Song

dans la catégorie album

2013 (Domino)

julia-holter-loud-city.jpg L'album pubblicato nell'appena trascorso 2013 dalla semidea Julia è tanto una conferma quanto un segno di progresso. Pur mantenendo la potenza onirica di "Tragedy" ed "Ekstasis", qui sembra lasciare un po' da parte la prepotente passionalità dei precedenti album, elargendo sonorità più mature e calibrate, con un'attenzione al jazz che prima era solo accennata ed ottenendo un risultato più omogeneo e compatto. In un modo diverso, ha comunque realizzato un altro piccolo capolavoro, condividendo lo spaccato della sua irresistibile, quasi esoterica, appunto, interiore spiritualità.

http://youtu.be/H5M8qRN_Rl0


Chrome - Half Machine from the Sun: The Lost Chrome Tapes ’79-’80

dans la catégorie compilation

2013 (Pledge Music)

chrome-2013.jpg I Chrome, per i pochi che non lo sapessero, sono uno dei gruppi capisaldi della scena della wave di avanguardia california anni '70 e '80, lo stesso scenario che vide l'esplosione dell'immenso fenomeno Residents, insieme ai Tuxedomoon e agli MX-80 (quattro gruppi che costituivano il cosiddetto quadrato di San Francisco e facevano capo alla residentsiana Ralph Records). Non si trattava certo di fenomeni mainstream e la loro ritrosia verso il mondo delle major era più che palese; la loro musica era particolarissima e relativamente ostica ai non addetti ai lavori ed influenzò e continua ad influenzare decine e decine di gruppi internazionali. Durante la lavorazione di "Half Machine Lip Moves" e "Red Exposure" (album che, insieme al mio preferito "Alien Soundtracks" costituiscono un trittico di veri capolavori) fu incisa una cospicua serie di ulteriori brani, in origine solo messi da parte, ma in seguito letteralmente dimenticati. Adesso, per iniziativa di Helios Creed, il chitarrista che si unì alla band dopo l'abbandono di Mike Low, i nastri perduti sono stati raccolti in questa compilation di ben diciotto brani, che, almeno per il momento, pare sia stata pubblicata solo in versione digitale. Diversamente dalle tante operazioni di questo genere, che spesso nascondono delle vere e proprie speculazioni commerciali, "Half Machine from the Sun" è invece un album che si pone come una delle pubblicazioni più interessanti del 2013: esso infatti non accusa l'età del materiale e, anzi, presentando il lato più accessibile dei Chrome (leggo in giro dei paragoni con Bowie...), può benissimo servire da apripista per coloro che ancora non hanno fatto la conoscenza con questo gruppo veramente mitico.

Da non perdere

Xenia Rubinos - Magic Trix

dans la catégorie album

2013 (jaba Jaba Music)

Xenia Rubinos - Magic Trix Xenia Rubinos, un mix di sangre caliente portoricano e cubano non poteva che mettere insieme un crogiolo di suoni esplosivi e intriganti, da far saltare su dalla sedia. E, secondo me, è andata oltre alle sue stesse previsioni! Mentre la sua voce limpida e dolce, che canta un po' in inglese e un po' in spagnolo, rivela (o almeno sembra rivelare) una certa estrazione jazz, il mondo attorno a lei si scatena in stramberie: ritmi martellanti, tiritere acapella, elettroniche impazzite, irresistibili ritornelli parlati ("Ultima" è uno spasso)... Ma tutto ciò non deve fuorviare: non si tratta di semplice divertimento scacciapensieri. La sostanza c'è ed è solida; i brani che, in un primo momento si fanno notare per qualche vezzo spiritoso, poi si fanno ascoltare seriamente, perché sono intensamente belli. È come se questo album si estendesse su diversi livelli: una crosticina gustosa e sbarazzina e sotto un piatto succulento ed energetico. In rete ho visto che si fanno tanti nomi (tUnE-yArDs, Battles, St. Vincent...), ma secondo me sono accostamenti ammissibili per la sua originalità; per il resto, invece, Xenia ha una personalità tutta sua, seconda a nessuno. Per me è un gioiellino. Assolutamente consigliato


Blue Willa - Blue Willa

dans la catégorie album

2013 (Trovarobato)

Blue Willa - Blue Willa Quando si incontrano gruppi italiani così interessanti, sarebbe veramente un peccato farseli sfuggire. Il quartetto di Prato (Serena Altavilla, Mirko Maddaleno, Lorenzo Maffucci e Graziano Ridolfo), arrivato finalmente, dopo le prime esperienze a nome Baby Blue, ad una solida configurazione e affidatosi ad una produzione che si chiama soltanto Carla Bozulich (che non lesina una sua partecipazione attiva), ha pubblicato questo album eponimo, che sembra volersi rivolgere alla scena internazionale senza alcuna timidezza provinciale. La loro forza sta soprattutto nella carica passionale, che li porta a fondere generi e momenti musicali alquanto diversi per ottenere un amalgama invece concreto e assai convincente. Nonostante che da tante parti si parli, nei loro confronti, di avant-rock e compagnia bella, io credo di identificare un sostrato narrativo che pesca addirittura dai temi di Kurt Weill, passando per certa psichedelia acida dei tardi anni '60 e trasmettendosi nei decenni, intingendosi in un blues malato e per varie sfaccettature del rock alternativo; soprattutto nel momento in cui ricorre la voce maschile, poi, è forte in me il richiamo a quel glam-rock che precorreva il punk. Un album vibrante, denso di sensazioni forti, un'atmosfera che mi ha riportato alla mente un altro prodotto mediterraneo di qualche anno fa: quel "Timemachine" degli ellenici Mary & the Boy/Felizol, che per me ha costituito opera prima del 2009, ma che è passato quasi completamente inosservato nel nostro paese.Fortemente consigliato


Julia Holter - Maria

dans la catégorie ep

2013 (Human Ear)

Julia Holter - Maria Dopo quel gioiello dell'anno scorso, Ekstasis e in attesa del nuovo album, "Loud City Song", previsto in uscita per il 20 agosto e il cui singolo in avanscoperta, "World", promette davvero bene, ascoltiamoci questo mini-lp interlocutorio. Esso riprende un singolo con lo stesso nome di un paio di anni fa e aggiunge altri brani, incisi prevalentemente dal vivo, che pare facciano parte di un progetto di traduzione di brani poetici surreali stranieri, soprattutto russi. Qui abbiamo a che fare con una Holter più romantica e immediata, alquanto diversa da ciò che aveva mostrato in Ekstasis, con le sue atmosfere complesse e delicate allo stesso tempo, coi suoi sogni rarefatti a tinte pastello. Intrinsecamente sarebbe anche un bel disco; ciò che un po' disturba è la qualità tecnica dell'incisione, decisamente bassa: una cosa che non può andare d'accordo con le sublimi sensazioni che Julia Holter sa elargire... Da ascoltare preventivamente


Julia Holter - Ekstasis Della stessa artista:

Ekstasis (2012)

7 marzo 2012


These New Puritans - Field of Reeds

dans la catégorie album

2013 (Infectious)

These New Puritans - Field of Reeds Advance per l'attesissimo nuovo album, in uscita il 10 giugno! Il gruppo londinese (originario dell'area di Southend-on-Sea) costituisce un altro esempio lampante di ispirazione di prima mano. È cronologicamente passato poco tempo da quando venivano paragonati ai Sonic Youth ad ai Yo La Tengo, eppure sembrano secoli: "Field of Reeds", infatti, non può essere paragonato ad un bel niente! Sì, i nomi si fanno (Bark Psychosis, il David Sylvian più recente, i Radiohead di Kid A), ma, secondo me, sono accostamenti di semplice sensazione, nulla di veramente marcato. Si tratta di un'opera incredibile, un incanto ancestrale, subliminale, quasi esoterico. Originalissima, ma, nello stesso tempo, perfetta nella costruzione delle attese: ogni strumento, ogni nota, ogni suono sembrano essere messi al posto giusto, in una confezione troppo perfetta per essere umana. Secondo me, album come questo ne nascono raramente ed è per questo che gli prenoto subito un posto tra i più interessanti dell'anno. Anche la qualità tecnica si preannuncia eccellente. Da non perdere! Assolutamente consigliato


Jenny Hval - Innocence Is Kinky

dans la catégorie album

2013 (Rune Grammofon)

Jenny Hval - Innocence Is Kinky Ed ecco un'altra donna per cui stravedo! Siamo molto distanti da Dear Reader, tanto geograficamente (sudafricana, ma con frequentazioni berlinesi, quella e norvegese questa) quanto musicalmente e per i contenuti. Jenny Hval è certamente un personaggio unico nel suo genere (io mi sento di paragonarla alle cose più estreme di Bjork...): nata come Rockettothesky (in effetti questo non era altro che il suo stage name), ha poi intrapreso la sua carriera autografa. pubblicando quello spaventoso "Viscera" del 2011 (anche questo, per me, in top list). Il punto saliente della sua arte è certamente la sua splendida voce, fredda, tipicamente nordica, tagliente, ma capace come poche di penetrare fino all'anima. La sua musica è la dimostrazione lampante di come lei sia veramente un'artista, che rifugge le mode e il facile impatto sul pubblico. Rispetto a Viscera, che alternava momenti di sublime coinvolgimento ad altri più devoti al minimalismo, in questo nuovo album noto una maggiore omogeneità: forse non ci sarà il brano che ti fa svenire, ma, nello stesso tempo, non ci sono episodi che allentano la tensione emotiva. Anche per questo non voglio citare l'uno o l'altro brano: "Innocence is Kinky" è una stupenda opera da godere dall'inizio alla fine. Assolutamente consigliato


Jenny Hval / Havard Volda – Nude On Sand Della stessa artista:

Jenny Hval / Havard Volda – Nude On Sand

19 febbraio 2012


Jace Clayton - The Julius Eastman Memory Depot

dans la catégorie album

2013 (New Amsterdam)

Jace Clayton - The Julius Eastman Memory Depot Julius Eastman, compositore, pianista, cantante e ballerino, scomparso nel 1990, dopo una vita breve e travagliata, sapeva bene cosa significhi essere discriminato: era, infatti, un omosessuale di colore e, nelle sue opere, rendeva evidenti le sue prese di posizione contro i pregiudizi ed i luoghi comuni (bastino i titoli presenti su questo album: "Evil Nigger", "Gay Guerrilla"...). Era un innovatore: fu forse uno dei primi a combinare il minimalismo con elementi pop (da Wikipedia). Jayce Clayton, in effetti, è produttore ed arrangiatore: le interpretazioni pianistiche sono infatti affidate a David Friend e Emily Manzo e Clayton, grazie al computer, le fonde e le rielabora, creando un flusso di sensazioni stranianti. Le composizioni sembrano volte ad una continua ascesa, in un crescendo drammatico che incute dubbiose aspettative. Consigliato


Keiji Haino, Jim O’Rourke, Oren Ambarchi - Now While It’s Still Warm Let Us Pour in All the Mystery

dans la catégorie album

2013 (Black Truffle)

Haino, O’Rourke, Ambarchi - Now While It’s Still... Si può non riuscire a star fermi ascoltando della musica sperimentale? Risposta: sì! Sui tre geniali artisti dell'avanguardia internazionale ci sarebbe da scrivere per settimane e forse non basterebbe neppure; basti dire che, tanto da soli quanto grazie alle loro molteplici collaborazioni, hanno elargito alle platee una serie sconfinata di creazioni, alcune molto affascinanti ed anche appetibili ed altre che non si possono decisamente definire alla portata di tutti i palati. Come trio, questo, che sarà ufficialmente pubblicato il 30 aprile, è il terzo album. Almeno dai video disponibili in rete, sembrerebbe che Haino la faccia un po' da padrone, con la sua chitarra indiavolata e la sua voce spettrale, mentre Ambarchi è impegnato alla batteria e O'Rourke si dà da fare al basso, ma voglio pensare che i ruoli si modifichino un po' nell'arco dei sei lunghi brani, interamente incisi dal vivo in un concerto tenuto a Tokyo. Per loro stessa definizione, la loro musica si muove "...from holy minimalism to cave-man rock..."; e, in effetti, tale definizione è tangibile: il minimalismo devo dire che è solo accennato, mentre un rock corposo e trascinante, che sembra fuoruscito da un'energia primordiale, pervade un po' tutta l'opera. Siamo al cospetto di un album che può dare grandi emozioni: assolutamente imperdibile.Assolutamente consigliato


Oren Ambarchi - Audience of One Degli stessi artisti:

Oren Ambarchi - Audience of One

1 febbraio 2012


The Residents - Mush-Room

dans la catégorie album

2013 (Ralph Records)

The Residents - Mush-Room I Residents sono uno dei miei gruppi preferiti (lo sa bene chi conosce le mie frequentazioni sui diversi forum). Parlarne adesso qui sarebbe quanto meno superfluo: mi limito a dire che li considero l'espressione più geniale della musica contemporanea. Una caratteristica secondaria di questa band è la prolificità: la loro discografia è letteralmente sconfinata e ogni anno viene arricchita con nuove pubblicazioni (anche nell'ordine della decina l'anno); spesso però le uscite consistono in collection, rifacimenti, live... In questo caso, parliamo di una soundtrack, commissionata dalla coreografa belga Grace Ellen Barkey, il cui mondo visionario e burlesco pare ben amalgamarsi all'immaginario residentsiano. Delle ultime cose dello storico gruppo (che ho ascoltato), devo dire che non tutto mi è piaciuto e, finora, il mio gradimento si fermava a "The Ughs" del 2009; quest'opera, invece, mi ha favorevolmente coinvolto, soprattutto per il cocente spirito malinconico che si respira. Le ispirazioni sono soprattutto riferite alla musica classica, con spunti ambient, industrial e qualche suggestione world. Alcuni momenti risultano veramente potenti dal punto di vista espressivo; ascoltate, ad esempio, "Musical Chairs in 3/4" e fatelo a volume sostenuto: impressionante, vero? Nel complesso, si tratta di un album piacevole, per niente ostico o affaticante; nello stesso tempo, è originale ed intrigante come è loro costume. Consigliato


Buke and Gase - General Dome

dans la catégorie album

2013 (Brassland)

Buke and Gase - General Dome Nel 2010, il loro esordio "Riposte" personalmente lo annoverai tra gli album più originali dell'anno (allora si chiamavano Buke and Gass). A tre anni di distanza torna il duo di Brooklyn, Arone Dyer e Aron Sanchez, con il loro moniker che, di fatto, è la citazione di due strumenti a corda di loro invenzione e realizzazione: Il buke ed il gase, appunto. Come dicevo in occasione del precedente lavoro, essi non aderiscono ad alcun genere in particolare e passano con estrema naturalezza dal rock al noise-pop (non disdegnando qualche sfumatura folk); a tratti richiamano certe strutture matematiche, mentre, soprattutto nel cantato di Arone (che rimanda a diverse interpreti prog di un passato più o meno recente), evoca anche forti brividi progressivi. Mescolando suoni dolci ed altri corrosivi, il duo ha saputo mettere insieme tredici brani di grande impatto suggestivo, alcuni dei quali risultano per me addirittura irresistibili (ascoltate, per esempio, "Hiccup" o "Hard Times"). Ottima prova veramente.Fortemente consigliato


Pere Ubu - Lady from Shanghai

dans la catégorie album

2013 (Fire)

Pere Ubu - Lady from Shanghai Ancora non avevo ascoltato un album del 2013 e quale migliore occasione di questa? Sì, un nome ormai appartenente al mito è tornato: dopo ben trentacinque anni dall'esordio, la geniale follia di David Thomas e della sua compagine torna con un'opera destinata, come al solito, a stupire. Per sua stessa dichiarazione, si tratta di un album dance; ma se la musica dance non vi piace, aspettate a storcere il muso, perché non si tratta di dance come ci si potrebbe aspettare. Il titolo è evidentemente ripreso dal visionario noir giudiziario di Orson Welles (film stupendo, tra l'altro), a cui il cantante, con il suo look più recente, somiglia parecchio. La grinta del gruppo non è affatto sopita e la voce di Thomas, se permettete, è perfino migliorata, perché è maturata ed ha perduto quei toni striduli che potevano anche dare fastidio. I ritmi ci sono e stimolano al movimento, ma si tratta di ritmi malati, di atmosfere oscure e vorticose. Alcuni brani sono veri e propri trip: ascoltate "414 Seconds" per gradire. Grande ritorno e grande inizio per questo 2013!Assolutamente consigliato


Lonnie Holley - Just Before Music

dans la catégorie album

2012 (Dust to Digital)

Lonnie Holley - Just Before Music Tra tante banalità musicali da cui siamo sopraffatti, finalmente una voce che si possa definire puramente fuori dal coro. Se cercate notizie su Lonnie Holley, a prima vista troverete di tutto, tranne che musica. E troverete cose sorprendenti: innanzitutto che è il settimo di ben ventisette figli! Poi, che è un artista visuale, soprattutto scultore, che fa dell'improvvisazione suo principio cardine... E altrettanto sorprendente è questo suo primo album, in cui già il titolo potrebbe spiegare tutto: egli cerca le radici stesse dell'emozione in musica e si esprime secondo le sue sensazioni immediate. Non è un album facile: è decisamente scomodo e a molti non piacerà; secondo me, però, è destinato ad essere iscritto negli annali della musica, come uno di quegli album che, soprattutto, divideranno la platea, ma che godranno di fama imperitura. In uno scaffale ideale, potremmo collocarlo vicino agli album di Captain Beefheart, di Scott Walker (ma non di "Bish Bosch", per carità!) e anche nei pressi di Van Morrison... Da non perdere.

Articolo di Rachel Jackson per World Music Network

Per me, 8.5/10


Jessica Sligter - Fear and the Framing

dans la catégorie album

2012 (Hubro)

Jessica Sligter - Fear and the Framing Sto pensando a tutte quelle webzine, ai forum etc., che già da qualche settimana si affannano a pubblicare le classifiche del 2012, quasi nelle foga di arrivar primi e intanto si perdono delle meraviglie come questa! L'olandese Jessica Sligter, qui al suo secondo lavoro (anche se per il primo si era presentata al pubblico con lo pseudonimo di ), ha realizzato un album sorprendente: originalissimo, coraggioso, fondendo suoni eterei a sperimentazioni di impatto non certo immediato, insinuando droni e umori industriali, ma sempre incantando con la sua bellissima voce. La cantautrice dimostra, inoltre, una grande e matura personalità, arrangiando tutti i brani. ma lasciando, nello stesso tempo, al nutrito gruppo di collaboratori una grande autonomia. Questo album finirà certamente tra le primissime posizioni della lista dei miei album preferiti dell'anno.

Soundcloud - recensione di Daniel Paton per Music OMH

Per me, 8.5/10


The Luyas - Animator

dans la catégorie album

2012 (Paper Bag)

The Luyas - Animator Dopo quel sorprendente secondo album del 2011, Too Beautiful To Work (che personalmente avevo inserito tra i miei preferiti dell'anno), torna il gruppo di Montreal con un nuovo e convincentissimo lavoro, che di fatto sarà pubblicato il 16 ottobre. Sul sito dell'etichetta Paper Bag, la loro musica viene definita con un termine secondo me azzeccato: retro-futurist.... Il loro, in effetti, è un pop/rock originalissimo, delicatamente sperimentale, caratterizzato da una strumentazione molto ricercata, con un abbondante uso di elettroniche e dalla voce dreamy e sensuale di Jessie Stein (inoltre chitarrista e polistrumentista). Gli altri componenti sono il produttore Pietro Amato (The Bell Orchestre, Arcade Fire...; nato in Francia, ma l'origine non credo lasci adito a dubbi) agli ottoni, tastiere e percussioni, Mark Weaton alla batteria e Mathieu Charbonneau alla tastiera Wurlitzer. C'è da dire una cosa su questo gruppo: io sto ancora aspettando un vero capolavoro da parte loro, perché sono sicuro che le potenzialità ci siano tutte. Tanto questo album quanto il precedente mancano, secondo me, di quel coraggio di osare fino in fondo: le intuizioni geniali non mancano (soprattutto nei due stupendi brani iniziali), ma poi ho l'impressione che la tensione si smorzi e i brani si susseguano con un po' di diluizione, pur rimanendo ad un alto livello, beninteso... Alla prossima, ma intanto godiamoci questo.

Articolo della Paper Bag

Per me, più che 8.0/10


Hundred Waters - Hundred Waters

dans la catégorie album

2012 (Elestial Sound)

Hundred Waters - Hundred Waters Ben vengano album di questo genere! Quando la musica riesce a superare i rigidi limiti degli schemi e delle generalizzazioni, facendo convergere gusti che potrebbero sembrare opposti, spesso nascono gioielli come questo. Il gruppo di Gainesville, Florida, composto da Nicole Miglis, Trayer Tryon, Paul Giese, Zach Tetreault e Sam Moss, sa combinare, infatti, un folk di stampo inglese con l'elettronica, ma andando molto oltre la cosiddetta folktronica e raggiungendo territori inesplorati e sperimentali, con l'evidente passaggio dalle parti del trip-hop... Ho idea che punto cardine del guppo sia Nicole Miglis, cantante, autrice e pianista di chiara estrazione classica, ma gli altri componenti dimostrano di dare contributi che vanno ben aldilà del compitino. Gli undici brani, tutt'altro che immediati (necessitano di una bella serie di riascolti per essere veramente apprezzati), sono una serie ininterrotta di suggestioni eteree, in cui la dolce voce di Nicole fa da collante e di continue sorprese sonore, in cui l'elettronica gioca un ruolo chiave. Album originalissimo, generoso d inventiva, che si colloca tra i più interessanti di questo 2012.

Streaming - Recensione di Ian Cohen per Pitchfork

Per me, 8.5/10


Seamus Cater & Viljam Nybacka - The Anecdotes

dans la catégorie album

2012 (Anecdotal)

Seamus Cater & Viljam Nybacka - The Anecdotes Sarà un'impresa memorizzare il nome di questo duo olandese! La loro musica, invece, rimane ben impressa, ma non perché sia di immediata assimilazione: tutt'altro. Seamus Cater (voce, tastiere, concertina, armonica) e Viljam Nybacka (batteria, voce, ukulele, chitarra, percussioni) non hanno alcuna intenzione di creare musica dal facile ascolto o dall'impatto commerciale: il loro è un folk acustico in chiave slow e sperimentale, la cui forza sta nei tempi e nelle atmosfere, che sono sì rarefatte, ma che, nello stesso tempo, danno l'idea di essere pregne di un vigore sopito, pronto a balzare addosso all'ascoltatore da un momento all'altro. Poi, alcuni interventi apparentemente avulsi contribuiscono a rendere più intrigante l'insieme: sarei curioso, ad esempio, di scoprire cosa dicono i messaggi morse dell'iniziale Bas Jan Ader. Album raffinatissimo e ricercato, che, nell'immediato, forse non vi conquisterà; ma dategli il tempo che merita e non ve ne pentirete.

Bandcamp

Per me, almeno 7.5/10


Joe McKee - Burning Boy

dans la catégorie album

2012 (Dot Dash)

Joe McKee - Burning Boy Dopo aver ascoltato per la prima volta questo album, chiedendomi chi fosse questo genio, ho scoperto che io Joe McKee lo conosco già: non è altri che il frontman degli australiani Snowman, il cui Absence ho tanto gradito l'anno scorso, inserendolo nella mia top-20 per il 2011. Il gruppo, purtroppo, si è sciolto (Absence era infatti l'album d'addio), ma qui abbiamo il debutto da solista di McKee. Mentre la musica, originalissima, degli Snowman ti travolgeva in un nugolo di sensazioni anche forti, qui abbiamo un modo diverso di travolgere, più pacato e sublime: immaginate un artista cresciuto a David Sylvian e a This Mortal Coil e avrete già una prima impressione di ciò che rappresenta questo album. In aggiunta, egli fa ricorso ad una particolare forma di sperimentalismo, appena accennato e mai invadente, che non arriva mai a spezzare l'atmosfera magica, sognante e nostalgica alla No-Man e la tenue psichedelia romantica alla Paul Roland (tanto per fare un altro paio di nomi a me cari). A mio vedere, siamo al cospetto di un altro album che lascerà il segno in questa annata interessantissima...

Soundcloud

Per me, 8.5/10


We Are Ghosts - Old Town Hall

dans la catégorie album

2012 (we.areghosts.com)

We Are Ghosts Old Town Hall Orsi e fantasmi: una cosa che mi chiedo è perché questi due temi siano così ricorrenti nella musica contemporanea, soprattutto in quella del cosiddetto panorama indie. Proprio in questi giorni sto ascoltando alcuni gruppi che li riprendono proprio nei loro nomi: uno è questo. Ma non voglio distogliere ulteriormente l'attenzione da questo album, perché ho idea di essere al cospetto di un'opera dalla potenza espressiva esemplare. We Are Ghosts (alias WAG) è un progetto israeliano, che propone una formula che rimanda ai grandi artisti del passato, ma diventata ormai sempre più rara: la live session. Artisti talentuosi e poliedrici che si ritrovano insieme su di un palco e improvvisano, senza darsi limitazioni di genere. Dappertutto, questo nome si associa al post-rock, ma sarebbe una definizione stitica e limitativa (personalmente, quando vedo "post-rock" ormai tendo a passare oltre, perché è un genere, che, quando limitato al comune senso canonico, mi dà un'impressione quasi insopportabile di indeterminatezza...): certo, se volessimo riferirci al genere di questo disco con una sola parola, potremmo usare forse quella definizione. Ma una componente che non vedo citare ad alcuno e che invece, a mio vedere, è evidente in quest'opera, è la psichedelia (decisa nel lungo brano di apertura, ma che pervade un po' tutto l'album). È principalmente strumentale, ma nei pochi tratti cantati assume anche dei toni dark. Non mancano anche riferimenti a lontani orizzonti jazz e, di conseguenza, accenni di prog. Il gruppo, poi, usa una forma peculiare di citazione, fatta di sonorità, nel senso che, piuttosto che strutture e melodie, sono solo alcuni suoni particolari a richiamare alcuni mostri sacri (io ho identificato Eno/Byrne e i Residents, ma ce ne sono sicuramente altri: ad esempio, i cori del primo brano mi ricordano fortemente qualcosa, ma non riesco a definire). Insomma, l'album si pone di sicuro tra i miei preferiti di questo scorcio d'anno e ve lo consiglio caldamente (la versione digitale è disponibile a offerta libera sul loro sito).

Streaming con download a offerta libera

Per me, almeno 8.5/10


Jumbo Pimp - The Adventures of Jumbo Pimp in Outer Space

dans la catégorie album

2012 (jumbopimp.bandcamp.com)

Jumbo Pimp - The Adventures of Jumbo Pimp in Outer Space Passiamo ad un genere completamente diverso per questo interessante progetto autoprodotto. Le influenze su questo album (di durata rilevante: 9 brani per 1 ora e 1/4 circa) sono varie e agevolmente riferibili: il primo brano potrebbe sembrare un pezzo perduto dei Dali's Car (Peter Murphy e il mai troppo compianto Mick Karn) fatto magari in session con i Residents; a seguire ritroviamo indubbiamente i Residents, i Coil e vari gruppi dello space-rock e del kraut. Questo non significa assolutamente che l'album non sia, in un certo modo, originale: lo è almeno per l'aver saputo integrare efficacemente le varie influenze e sicuramente si tratta di un ascolto tutt'altro che noioso. Certo, con le potenzialità che dimostrano, potrebbero esprimersi in maniera più autonoma, ma chi è che non cita gli altri oggigiorno (visto oltretutto che non stiamo poi parlando di citazioni di poco conto)?

Bandcamp

Per me, 7.5/10


- pagina 1 di 2