2013 (Rusted Blue Records)

Alela Diane - About Farewell Cos'è successo alla dolce ragazza di Portland (nativa di Nevada City)? Dopo "Pirate's Gospel" del 2007 (di cui vorrei approfondire la conoscenza), lo stupendo e ispiratissimo "To Be Still" del 2009 ed "Alela Diane & Wild Divine" del 2011, è arrivata al quarto album sotto casa discografica (precedentemente ne aveva pubblicati altri due, frutto di autoproduzione). Ad appena trent'anni, però, in quest'album, che fisicamente sarà pubblicato a luglio, ma che è disponibile da qualche giorno in digitale, si denota una repentina maturazione, traspare come un senso di scoramento. Sembrerebbe che la pur sempre sobria Alela, qui sia giunta ad una cocente disillusione. Rispetto all'entusiasmo misurato dei precedenti album, qui è infatti un'atmosfera drammatica a farla da padrona; la voce ha perso i suoi toni acuti e anche la strumentazione è più scura, avendo abbandonato le note mielate della steel, che tanto aveva caratterizzato "To Be Sill". Le melodie sono sincopate, i ritornelli appena accennati. Aleggiano per tutti i dieci brani lo spettro di una gioia perduta e il sentore di lacrime pronte ad esplodere. Con questo non voglio dire che "About Farewell" non sia bello, anzi! La mia preferenza va sì a quello del 2009, ma l'importante, in un'opera del genere, è che l'artista abbia qualcosa da dire. Alela Diane qui sembra volerci dire anche più cose rispetto al passato; sta a noi saperla ascoltare... Fortemente consigliato