2012 (autoprodotto)

Andy Shauf - The Bearer of Bad News Un titolo così malaugurante per un album forse non sembrerebbe appropriato, ma la classe che trasuda immediatamente da quest'album lascia presagire, invece, una carriera ricca di soddisfazioni, almeno dal punto di vista artistico. In effetti, si tratta di un autore canadese poco prolifico, che, fin dal suo esordio nel 2008, ha pubblicato ben poco finora, ma "The Bearer of Bad News" si pone subito come quello che probabilmente è destinato a rimanere il suo capolavoro. La voce di Andy Shauf è vagamente androgina e questo, piuttosto che disturbare, la rende ancora più coinvolgente ed emozionante. I toni della sua musica sono oscuri e pessimistici (e in questo il titolo è coerente), ma il cantautore dimostra di avere una sorta di carisma, sapendoti prendere per mano per portarti lungo un viale alberato e ventoso, in cui il pessimismo diventa un rapimento irresistibile. La sua è una dote che certo non ci si aspetterebbe da un cantautore così giovane. I testi sono, come è logico aspettarsi, drammatici e claustrofobici, narrando di vite di provincia, frustrate e corrose da una violenza latente. Gli arrangiamenti sono opulenti e ben integrati nell'atmosfera sapientemente creata. I dodici brani sono tutti notevoli per carica emotiva e valenza compositiva, ma la lunga Wendel Walker sa veramente avvolgere in modo inesorabile nelle sue spire, con la voce di Andy, che, quando si alza, fa venire i brividi.

Bandcamp

Per me, più che 8.0/10