2012 (ATO)

Rayland Baxter - Feathers & FishHooks Rayland Baxter, di quella Nashville, cui solo sentire pronunciare il nome fa venire brividi di piacere, è quel che si dice un figlio d'arte: suo padre Bucky ha, infatti, calcato le scene addirittura con Bob Dylan, Steve Earle e Ryan Adams. Qui è al suo album di debutto (dopo aver pubblicato un EP), guidato dallo stesso produttore di Tom Waits e Modest Mouse. Insomma, le premesse ci sono tutte perché ci si aspetti qualcosa di un certo valore. E, in effetti, l'album è molto convincente. Personalmente, avrei desiderato qualcosa di più personale e facilmente identificabile: le sue ballate sono equilibrate e ben composte ed hanno il piglio classico del country-folk tradizionale; ma, facciamo finta per qualche istante che al posto della sua voce, ci sia quella, immortale, di un Johnny Cash... Ecco, potrebbe benissimo essere un album di inediti dell'immenso folk-singer scomparso nel 2003. Naturalmente questo non è un difetto, ma certamente un po' di originalità in più non avrebbe guastato. Rimane il fatto che si tratta di un album più che decoroso, che non mancherà di piacere agli appassionati del genere.

Articolo di Ryan Bort per Paste e streaming

Per me, almeno 7.0/10