2012 (autoprodotto)

Eliza Shaddad - January ~ March Breve debutto di una giovane cantautrice scoto-sudanese e la sua chitarra: quattro brani che hanno la loro forza nella semplicità e nella grande dote espressiva dell'autrice ed interprete. L'apporto dello strumento è minimale (unitamente a delle percussioni, appena accennate, affidate a Jack Patterson), fino a mancare del tutto nella seconda parte della lunga Brackets (in effetti una "ghost-track", una pratica che personalmente odio, ma che, in questo caso, ben venga...). La sua voce è bellissima, seta e velluto combinati insieme; la sua dolcezza espressiva difficilmente farebbe pensare di essere al cospetto di un esordio, tanto è sentita, curata e avvolgente. Io aspetto con impazienza un full-lenght e voi?

Bandcamp - Articolo su For Folk's Sake

Per me, 8.0/10