2011 (Static Caravan)

Hannah Peel - The Broken Wave Un paio di mesi fa, ho scritto le mie impressioni su Orkney Symphony: the Magnetic North. La suggestiva voce femminile in quell'album era proprio quella di Hannah Peel. The Broken Wave, pubblicato agli inizi dell'anno scorso, è sì l'album d'esordio, ma Hannah aveva, a quanto pare, già una discreta esperienza nel campo audio-visivo e in qualità di autrice di colonne sonore per musical; ha, inoltre, ottime doti di arrangiatrice e lo dimostra in questo lavoro e nella collaborazione prestata nei Magnetic North. Veniamo all'album: un folk delicato, il cui senso di evanescenza è accentuato dalla sua voce, poco più che sussurrata, che assume connotati angelici, per poi rivelare, però, un sostrato da spiritello elementale (non per nulla lei è di origini irlandesi...) e una sostanza quasi oscura. È proprio in questi contrasti che sta, a mio vedere, la forza dell'album, nel suo incutere sensazioni oscillanti, che dipendono tantissimo dal momento in cui si ascolta. Bellissima, seppur minimale, la sua interpretazione della tradizionale The Parting Glass.

Recensione di Matt Corner per The Line of Best Fit

Per me, 8.0/10